Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Corte centrale distrettuale di Seul ha avviato l'esame della richiesta di arresto a carico di Lee Jae-yong, vice presidente di Samsung Electronics ed erede della prima conglomerata sudcoreana.

La richiesta d'arresto è stata promossa per la seconda volta dalla procura speciale al lavoro per lo scandalo che ha coinvolto la presidente della Repubblica Park Geun-hye (sotto impeachment) e la confidente Choi Soon-sil, in stato d'arresto.

Lee ha raggiunto la sede della Corte alle 10:30 locali (2:30 in Svizzera) per assistere all'udienza: la decisione è attesa per domani mattina. Il manager, 48 anni, è accusato di corruzione, frode e spergiuro: avrebbe versato o promesso circa 37,5 milioni di dollari a Choi in cambio di un'ampia copertura politica.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS