Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Malgrado la chiusura del consolato la scorsa estate, gli italiani residenti nella Svizzera orientale da maggio potranno nuovamente rinnovare il passaporto a San Gallo, dove una volta la settimana sarà aperto uno sportello con un impiegato proveniente a Zurigo.

Lo ha annunciato oggi in una conferenza stampa Rolando Ferrarese, responsabile del Centro socio-culturale italiano di San Gallo, che ospiterà dal 4 maggio il servizio, in attesa - come chiedono gli italiani della regione - che venga aperta una vera e propria agenzia consolare, con due-tre impiegati.

La chiusura del consolato - inaugurato oltre cento anni fa in una regione che comprende anche Grigioni, Turgovia, i due Appenzello, nonché il Principato del Liechtenstein, per un totale di 56'000 italiani - è stata motivata da Roma con la necessità di risparmiare. Ma l'ultima parola non è ancora stata detta: proprio a Roma è pendente un ricorso davanti al Tribunale amministrativo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS