Navigation

Sandoz: cartello farmaci USA, patteggia multa da 195 mio dollari

Sandoz concorda multa KEYSTONE/AP/Andrew Harnik sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 marzo 2020 - 11:02
(Keystone-ATS)

Sandoz, filiale del colosso farmaceutico Novartis, accetta di pagare una multa di 195 milioni di dollari negli Stati Uniti.

Questo gli permetterà di evitare un processo relativo alla partecipazione a un cartello dei prezzi dei farmaci generici tra il 2013 e il 2015. Lo ha annunciato ieri sera il Dipartimento della giustizia americano.

In base all'accordo con le autorità americane, Sandoz intende "cooperare pienamente con le indagini penali in corso", condotte dalla divisione antitrust. Nel maggio del 2019, La filiale di Novartis contestava le accuse. Il gruppo ha però preferito patteggiare con i tribunali statunitensi per evitare un processo costoso.

La risoluzione di oggi, con uno dei maggiori produttori di farmaci generici, è un passo importante per garantire che i prezzi siano fissati dalla concorrenza, non dalla collusione, e per eliminare i reati che hanno ingannato gli acquirenti statunitensi, ha detto in una dichiarazione l'assistente del Procuratore Generale degli Stati Uniti, Makan Delrahim, della divisione antitrust del Dipartimento della giustizia degli Stati Uniti.

Carol Lynch, presidente di Sandoz USA, ha da parte sua sottolineato che la società prende sul serio la sua conformità alle norme antitrust. Questo accordo risolverà non solo questioni storiche, ha aggiunto, ma sottolinea anche il nostro impegno.

La giustizia americana ha indicato che il cartello sui prezzi riguardava "importanti farmaci usati dagli americani, compresi gli anziani" per trattare una serie di malattie croniche e dolori come l'artrosi, l'ipertensione, i coaguli di sangue e malattie della pelle.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.