Spesa sanitaria record nell'assicurazione di base: nel 2012 ciascun affiliato a una cassa malattia ha "consumato" prestazioni in media per 3259 franchi, il 2,9% in più dell'anno precedente. Le differenze fra un cantone e l'altro sono notevoli, sottolinea Santésuisse.

Complessivamente il valore delle prestazioni fatturate nell'ambito dell'assicurazione obbligatoria ha raggiunto 25,7 miliardi, hanno spiegato i responsabili dell'organizzazione delle casse malattia in una conferenza stampa odierna a Berna. La crescita pro capite registrata nell'anno in rassegna è superiore a quella del 2011, quando era stata dell'1,6%.

L'evoluzione dei costi è molto diversa da cantone a cantone: le differenze di premio riflettono queste disparità, ha sostenuto la direttrice di Santésuisse Verena Nold. Agli estremi si trovano Appenzello Interno e Basilea Città, con prestazioni erogate rispettivamente di 2380 e 4353 franchi.

A livello generale l'aumento è stato forte nel settore delle cure ospedaliere ambulatoriali (+5,8%; in cifre assolute +250 milioni), mentre quelle stazionarie segnano un +2,7% (+150 milioni).

Per quanto riguarda la gli studi medici (+4,1%, +220) la crescita è in linea con quella degli anni scorsi. Il costo dei medicinali è progredito dell'1,8%: in questo campo il potenziale di risparmio è esaurito, secondo Santésuisse. Invece nel ramo ospedaliero sarebbe necessaria una maggior concorrenza, ha affermato Nold.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.