Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Per l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) tassare le persone che abusano di alcool non è una soluzione per ridurre i costi sanitari. Dopo gli ambienti dei medici e della prevenzione, anche l'amministrazione federale esprime il suo scetticismo nei confronti del progetto accolto recentemente dalla commissione della sicurezza sociale del Nazionale.

Far pagare i costi della degenza ospedaliera o del soggiorno in cella "anti-sbornia" ai diretti interessati è una cattiva idea, afferma Pascal Strupler, direttore dell'UFSP in un articolo pubblicato oggi dal domenicale "Zentralschweiz am Sonntag". Dopo i bevitori, potrebbero essere minacciati dalla rottura del principio di solidarietà i fumatori e le persone in sovrappeso.

"Temendo i costi, i bevitori potrebbero non venire più all'ospedale o non esservi portati", prosegue l'alto funzionario, ponendo l'accento sulle conseguenze negative per le persone.

Il direttore dell'UFSP preferisce puntare sulla prevenzione. "Sviluppare la responsabilità individuale è del tutto giustificato, ma questa nozione dovrebbe essere discussa nell'ambito della prevenzione". L'alto funzionario è convinto che ogni franco investito nella prevenzione permetterà di abbassare maggiormente i costi a lungo termine rispetto alla rinuncia al principio della solidarietà.

A metà agosto la commissione della sicurezza sociale del Nazionale è entrata in materia su una revisione che vuole accollare ai pazienti che hanno abusato di alcol le spese di cura. I dettagli saranno discussi dopo la sessione autunnale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS