Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Donald Trump Jr.

KEYSTONE/AP/BRYNN ANDERSON

(sda-ats)

È bufera su Donald Trump Jr. per i contatti e gli scambi di messaggi con Wikileaks durante la campagna elettorale.

L'indiscrezione riportata dal magazine The Atlantic è confermata dal figlio maggiore del presidente che, su Twitter, pubblica tutti gli scambi e attacca chi in Congresso ha fatto uscire i documenti riservati.

I democratici chiedono spiegazioni e puntano a sentire direttamente Trump Jr su Wikileaks nell'ambito delle indagini sul Russiagate.

Intanto il Dipartimento di Giustizia guidato da Jeff Sessions valuta la nomina di un secondo procuratore generale oltre a Robert Mueller per indagare su temi che preoccupano i repubblicani, incluse eventuali violazioni della Fondazione Clinton e la vendita di una società di uranio alla Russia nel 2010, quando Hillary Clinton era segretario di Stato.

Le elezioni 2016 e le interferenze della Russia sono oggetto delle attuali indagini del procuratore speciale Robert Mueller. Un'inchiesta questa che riguarda anche gli scambi fra Trump Jr e Wikileaks, che tornano ad agitare lo spettro della collusione fra la campagna di Trump e la Russia.

Wikileaks ha più volte contattato Trump Jr durante la campagna elettorale, e il figlio del presidente americano ha risposto in alcune occasioni. Una volta Trump Jr ha twittato un link con alcune email dopo che Wikileaks gli aveva chiesto di farlo. Un'altra volta Wikileaks ha scritto di essere contenta di essere nominata da Donald Trump durante la campagna: pochi minuti dopo il presidente aveva twittato sull'organizzazione di Julian Assange.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS