Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Jolanda Spiess-Hegglin accusa Philipp Gut di calunnia

Keystone/WALTER BIERI

(sda-ats)

Il vicecaporedattore della Weltwoche, Philipp Gut, dovrà comparire in tribunale. È stato accusato di calunnia dall'ex gran consigliera dei Verdi Jolanda Spiess-Hegglin, al centro nel 2014 dello scandalo sessuale che a Zugo l'ha vista coinvolta con un collega dell'UDC.

Stando a diversi media svizzerotedeschi, che citano l'atto d'accusa, in causa vi sarebbe un articolo della Weltwoche del 24 settembre 2015 scritto dal giornalista del settimanale svizzerotedesco vicino all'UDC.

Nell'articolo "Die fatalen Folgen eines Fehltritts" (Le conseguenze fatali di un passo falso") si mette talmente in cattiva luce Jolanda Spiess-Hegglin da arrecare un danno sensibile alla sua reputazione, si legge nell'atto d'accusa. Nel contempo Philipp Gut non sarebbe riuscito a provare che le sue affermazioni siano vere o che vi siano seri motivi di crederlo.

Il Ministero pubblico zurighese chiede una pena pecuniaria con la condizionale di 120 aliquote giornaliere da 130 franchi e una multa di 3000 franchi. Il Tribunale distrettuale di Zurigo si pronuncerà sul caso il prossimo 15 maggio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS