Navigation

Scende l'occupazione in Svizzera, forte calo in Ticino

C'è meno lavoro. KEYSTONE/TI-PRESS/GABRIELE PUTZU sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 agosto 2020 - 10:00
(Keystone-ATS)

L'occupazione in Svizzera ha subito l'impatto della crisi del coronavirus nel secondo trimestre: il numero degli impieghi è sceso a 5,01 milioni, con una flessione dell'1,1% rispetto ai primi tre mesi dell'anno e dello 0,6% in confronto allo stesso periodo del 2019.

Il Ticino è la regione che presenta la contrazione annua più marcata: -2,9%. Stando ai dati diffusi oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST) a incidere in modo particolare a sud delle Alpi è stata la diminuzione dei posti nel settore terziario, che si è attestata al 3,3%, a fronte ad esempio di valori positivi (+0,3%) registrati a Zurigo e nella Svizzera centrale. Meno forte (anche nel confronto con il resto della Confederazione) è stato per contro l'arretramento nel ramo secondario: -1,8%.

Tornando a livello nazionale, sull'arco di un anno l'occupazione è scesa di 31'000 posti: 5000 nell'industria e nelle costruzioni, 26'000 nei servizi, con tassi rispettivamente del -0,4% e del -0,6%. Gli scarti si fanno più ampi, seppur al netto delle variazioni stagionali, nel paragone con gennaio-marzo: -0,5% e -1,1%.

A livello di singoli rami economici, spiccano il -12,2% annuo di alberghi e ristoranti, pari a 33'000 posti in meno, nonché il -2,3% dei servizi alle imprese. Importante è anche il passo indietro delle attività manifatturiere (-0,9%). In contro tendenza si trovano istruzione (+3,0%) e sanità (+1,6%).

L'impatto della crisi è riscontrabile anche sui posti liberi, scesi a 61'000, con una perdita di 22'500 rispetto allo stesso periodo del 2019 (-27%). A soffrire sono in particolare i comparti attività manifatturiere (39%), i servizi di alloggio e di ristorazione (-45%), nonché il segmento trasporto e magazzinaggio (-46%).

Le prospettive di impiego si sono nettamente offuscate, annota l'UST sulla base dei sondaggi relativi alla propensione delle imprese ad ampliare gli organici. Il relativo indicatore è sceso dal 3,4% a 1,01. In Ticino e in alcuni rami del secondario e del terziario l'indicatore è crollato al di sotto di 1,00, lasciando presagire un'ulteriore contrazione dell'occupazione nel prossimo trimestre.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.