Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Austria è fra gli stati che vorrebbero maggiori controlli.

KEYSTONE/APA/APA/ZEITUNGSFOTO.AT/LIEBL DANIEL

(sda-ats)

La Francia, la Germania, l'Austria, la Danimarca e la Norvegia, intendono chiedere all'Unione europea di rendere più flessibili le regole sul ripristino dei controlli alle frontiere di Schengen in caso di minacce per la sicurezza.

È quanto affermano all'Ansa fonti diplomatiche di Parigi. La richiesta dei cinque Paesi verrà formalizzata nel consiglio affari interni di giovedì a Bruxelles.

Dinanzi alla minaccia del terrorismo, affermano le fonti, le regole attuali sono eccessivamente "rigide". Quindi l'appello dei cinque ad estendere il "periodo massimo" consentito per sospendere Schengen, dagli attuali 6 mesi a 2 anni per i casi di "minaccia grave alla sicurezza" e da 2 anni a 4 anni per i casi "eccezionali", com'è attualmente il caso in Francia. Parigi ha reintrodotto i controlli alle frontiere dopo gli attentati parigini del 13 novembre 2015 ma tra qualche settimana la deroga di 2 anni concessa da Bruxelles volgerà a termine. Gli altri Paesi che hanno ripristinato i controlli dal 2015 sono Austria, Germania, Danimarca, Svezia e Norvegia, questa volta per questioni legate alla crisi dei migranti.

La sospensione eccezionale della libera circolazione volgerà a scadenza l'11 novembre 2017 e la Commissione europea ha già avvertito che non ci saranno nuove deroghe per motivi legati ai flussi migratori. Il documento che i cinque porteranno al Consiglio Affari Interni non evoca questa fattispecie, ma generiche minacce per la sicurezza. Nel corso di un intervento a Orléans, a fine luglio, il presidente francese Emmanuel Macron aveva auspicato che il "sistema Schengen venga modificato insieme alla Germania per permettere il ripristino di questi controlli in caso di crisi migratoria".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS