Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Schmolz+Bickenbach (S+B) nelle cifre rosse: nel primo trimestre il gruppo siderurgico lucernese, che si trova in una fase di profonda riorganizzazione, ha subito una perdita netta di 122,4 milioni di euro, contro un utile di 12,4 milioni nello stesso periodo del 2014.

Il risultato operativo Ebit si è contratto di un terzo a 21,5 milioni di euro, mentre il giro d'affari delle attività mantenute è salito del 2,3% a 766 milioni, ha indicato oggi l'azienda con sede a Emmenbrücke (LU). I dati sono peggiori di quanto prevedessero gli analisti e in borsa nei primi scambi il titolo ha perso oltre il 3%.

Il gruppo sta vendendo unità in diversi paesi. Le nuove commesse nei settori che sono stati mantenuti risultano leggermente in calo, afferma l'azienda, che a questo proposito non fornisce però cifre concrete.

Lo sguardo sull'insieme dell'anno rimane orientato alla prudenza. A dispetto del miglior andamento della congiuntura mondiale le prospettive per la domanda di acciaio sono peggiorate in modo significativo. In particolare in Asia la crescita sta nettamente rallentando, osserva il gruppo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS