Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera vuole rafforzare l'aiuto ai Paesi più deboli. Lo ha annunciato il ministro dell'economia Johann Schneider-Ammann oggi a Lugano in occasione della conferenza annuale della Cooperazione svizzera allo sviluppo, si legge in un comunicato della Segreteria di Stato dell'economia (SECO).

Bisogna aumentare l'autonomia, la sicurezza e la stabilità dei Paesi partner, ha detto il consigliere federale. La Svizzera deve quindi rinnovare il suo impegno in questi Paesi con "contesti fragili".

Martin Dahinden, direttore della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC), ha parlato di circa 1,5 miliardi di persone che vivono in un contesto di fragilità senza servizi pubblici di base, in condizioni di sicurezza precarie e senza alcuna tutela dei diritti umani.

Beatrice Maser, a capo della Cooperazione e sviluppo economici della SECO, ha fatto l'esempio del Nordafrica, dove il tasso di disoccupazione giovanile è fra i più alti al mondo. Qui la SECO sostiene un programma di formazione e occupazione finalizzato a fornire ai giovani le competenze necessarie per accedere al mercato del lavoro.

Quest'anno la conferenza annuale della Cooperazione allo sviluppo, inaugurata nel 1976, si è tenuta per la prima volta in Ticino. Hanno partecipato più di mille persone.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS