Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Al termine della sua visita di tre giorni, il consigliere federale Johann Schneider-Ammann ha tracciato un bilancio positivo del suo viaggio in Brasile, soprattutto negli ambiti della ricerca e della sicurezza sociale.

Ieri a Rio de Janeiro, il ministro dell'economia ha spiegato alla stampa di essere "venuto con tre obiettivi": far conoscere la politica economica estera della Svizzera ai rappresentanti del governo brasiliano, "aprire delle porte" alla delegazione che lo accompagnava (rappresentati dell'industria e del mondo scientifico) e avere contatti con i colleghi ministri.

Il capo del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR) ritiene di aver raggiunto questi obiettivi. Johann Schneider-Ammann ha in particolare citato l'accordo raggiunto con la Promozione scientifica dello Stato di Rio de Janeiro per realizzare progetti di ricerca comuni.

Dal 2008, Svizzera e Brasile hanno finanziato 22 progetti con ricercatori dei due paesi e quasi tutti sono ormai ultimati. Berna aveva investito 5,5 milioni di franchi. Per la nuova fase erano previsti altri tre milioni. Ma recentemente, il ministero della scienza brasiliano ha annunciato di non poter investire per il momento fondi per promuovere altri progetti bilaterali di questo tipo.

La delegazione elvetica ha allora cercato una nuova soluzione e l'ha trovata con la Promozione scientifica dello Stato di Rio de Janeiro. Probabilmente già quest'anno i ricercatori potranno presentare i loro progetti. Le condizioni resteranno le stesse, ma gli aiuti saranno concessi solo a un istituto di questo Stato del Brasile. La relativa dichiarazione d'intenti è stata firmata venerdì.

Nello stesso giorno, Schneider-Ammann aveva inaugurato a Rio una sede di Swissnex, la rete di promozione della ricerca e dell'innovazione. "Si è percepito che il Brasile si interessa alla Svizzera in quanto Paese di ricerca scientifica", ha sottolineato il capo del DEFR.

Il consigliere federale aveva incontrato giovedì vari rappresentanti del governo nella capitale Brasilia. Tra di loro vi era il ministro degli affari esteri Luiz Alberto Figueiredo Machado.

Si è discusso su un possibile accordo di libero scambio tra l'Associazione europea di libero scambio (AELS), di cui fa parte la Svizzera, e il mercato comune sudamericano Mercosur, di cui è membro il Brasile. I responsabili brasiliani si sono mostrati aperti alla proposta di Schneider-Ammann di avviare discussioni preliminari tra le due organizzazioni.

Il capo del DEFR ha potuto firmare una convenzione sulla sicurezza sociale con Figueiredo Machado. Il testo mira a coordinare i sistemi di previdenza per la vecchiaia, i superstiti e l'invalidità in modo da regolare la situazione degli svizzeri in Brasile e dei brasiliani in Svizzera. La Confederazione ha già siglato accordi simili con 44 Stati.

Il Brasile è il principale partner commerciale della Svizzera in America latina. Nel 2013 gli scambi commerciali tra Berna e Brasilia ammontavano a 3,1 miliardi di franchi. Nel 2012, gli investimenti elvetici nel Paese hanno raggiunto i 22,7 miliardi di franchi. Le imprese svizzere insediate in Brasile danno lavoro a circa 130'000 persone.

SDA-ATS