Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In Svizzera gli scioperi rimangono una rarità. Lo indica uno studio condotto dall'Istituto di economia tedesca IW con sede a Colonia. Solo in 2 Paesi OCSE sui 23 analizzati i lavoratori protestano meno che in Svizzera: in Giappone e in Slovenia.

Nonostante la crisi economica, la tendenza a incrociare le braccia è in diminuzione.

Dal 2005 al 2014 in Svizzera è andato perso in media un giorno di lavoro all'anno ogni 1000 impiegati a causa di uno sciopero, indica l'IW. Nessun caso si è registrato invece né in Giappone né in Slovenia, mentre in Austria ne sono stati censiti due.

Per contro, i Paesi con più proteste di lavoratori sono stati la Danimarca con 135 giorni, la Francia con 124, il Canada con 101, il Belgio e la Finlandia con 71 giorni ognuno.

In Svizzera la soddisfazione dei lavoratori vale da decenni come garanzia di benessere e di sicurezza sociale. Spettacolari proteste come quelle del 2004 e del 2006 presso la Swissmetal di Reconvilier (BE) e del 2008 presso le Officine FFS di Bellinzona rimangono quindi delle eccezioni.

I conflitti nella Confederazione vengono normalmente risolti dalle parti sociali al tavolo delle trattative o al massimo davanti a un tribunale arbitrale.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS