Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il ministro degli esteri Usa Rex Tillerson (foto d'archivio)

Keystone/EPA/MICHAEL REYNOLDS

(sda-ats)

È scontro tra Usa e Turchia dopo l'arresto la scorsa settimana di un impiegato turco del consolato americano a Istanbul, accusato di legami con la presunte rete golpista di Fethullah Gülen.

Gli Stati Uniti hanno annunciato di avere sospeso le richieste di visti dalla Turchia di breve periodo, cioè per turismo, affari e studio, non per immigrazione.

Poco dopo, Ankara ha reso noto che applicherà la stessa misura alle richieste di visti per la Turchia dagli Usa. Le decisioni sono giunte dopo un colloquio telefonico sabato tra i ministri degli Esteri di Usa e Turchia, Rex Tillerson e Mevlut Cavusoglu.

All'avvio delle contrattazioni di stamani alla Borsa di Istanbul, la lira turca ha fatto registrare pesanti perdite sul dollaro, con un calo di quasi il 2,5%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS