Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Scoperta la galassia più luminosa dell'universo: emette una luce 300'000 miliardi di volte più intensa rispetto a quella del nostro Sole e il suo segreto potrebbe essere la presenza, al centro, di un buco nero 'super-ingordo'.

Descritta sull'Astrophysical Journal, è stata scoperta dal gruppo del Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa guidato da Chao-Wei Tsai, che ha utilizzato i dati del telescopio spaziale Wise.

La galassia, chiamata WISE J224607.57-052635.0, è una delle cosiddette Elirg (Extremely Luminous Infrared Galaxies): un insieme di 20 galassie molto brillanti che sta mettendo a dura prova gli attuali modelli sulla formazione dei buchi neri.

La sua luce viene prodotta dal riscaldamento del disco di gas e polveri che il buco nero sta inghiottendo. L'enorme quantità di energia che viene sprigionata durante il 'pasto' colpisce infatti le polveri più esterne, producendo l'intensa luce infrarossa rilevata dal telescopio Wise.

Buchi neri così grandi sono abbastanza comuni nell'universo, ma è molto raro trovarli in galassie 'primitive' come WISE J224607.57-052635.0. La sua luce ha infatti impiegato 12,5 miliardi di anni per raggiungere la Terra e questo significa che la galassia si è formata quando l'universo era giovanissimo (si stima infatti che sia 'nato' 13,8 miliardi di anni fa). Già in quell'epoca, quindi, il buco nero della galassia super-luminosa aveva una massa superiore miliardi di volte a quella del Sole, ma questa conclusione mette in difficoltà le teorie attuali sul comportamento dei buchi neri, che non sanno spiegare del tutto 'l'ingrassamento' così rapido di questi mostri cosmici.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS