Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È stato scoperto in Nepal il "luogo di nascita" di Buddha. Descritto nella rivista Antiquity, è un tempio che risale al sesto secolo avanti Cristo ed è il primo materiale archeologico che collega la vita di Buddha, e quindi la prima fioritura del buddismo, ad uno specifico secolo.

A portare alla luce questa struttura, interamente in legno, è stato il gruppo internazionale coordinato dall'archeologo Robin Coningham, dell'università britannica di Durham, e da Kosh Prasad Acharya, dell'Ente per lo sviluppo dell'area nepalese del Pashupati.

Gli archeologi hanno scavato all'interno del tempio Maya Devi a Lumbini, da sempre identificato come il luogo di nascita di Buddha e che l'Unesco ha definito patrimonio di interesse mondiale. Hanno scoperto così una struttura del sesto secolo avanti Cristo, in legno e con un ampio spazio aperto centrale, nascosta sotto una serie di templi in mattoni che hanno tutti la stessa forma.

Fino ad oggi i ritrovamenti archeologici di strutture buddiste a Lumbini erano stati fatte risalire al massimo al terzo secolo avanti Cristo, come il tempio dell'imperatore Asoka, che aveva promosso la diffusione della religione buddista dall'Afghanistan al Bangladesh.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS