Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il referendum scozzese è una delle scommesse preferite in questi giorni per i bookmakers britannici. Secondo gli esperti si sta assistendo a un fenomeno che spiega molto bene il clima di indecisione attorno al voto, in cui viene dato un testa a testa fra i due schieramenti. Mentre infatti le quote privilegiano una vittoria del 'no', che resta in leggero vantaggio nei sondaggi, gli scommettitori vogliono fare il 'colpaccio' e puntano in gran parte sul 'sì'.

Ladbrokes, ad esempio, offre la vittoria degli unionisti 1 a 4 e quella dei secessionisti 3 a 1. William Hill ha la stessa quota per il successo del 'no' (1 a 4) e 11 a 4 per il 'sì'. Ma gli scommettitori se la sentono di rischiare.

Ed ecco quindi che secondo Ladbrokes il 90% delle sue scommesse fatte in Scozia nelle ultime tre settimane sono in favore dei nazionalisti. Se si considera tutto il Regno Unito, la percentuale è comunque molto alta, pari al 58%. Sulla piattaforma internazionale Betfair.com, invece, la vittoria del 'no' è schiacciante: viene puntato l'80% dei casi, mentre solo il 20% degli utenti pensa che il 'sì' potrebbe imporsi.

Si gioca anche su quello che accadrà ai due principali leader politici della campagna referendaria. Ladbrokes dà 5 a 1 le dimissioni del premier scozzese Alex Salmond nelle 48 ore dopo il referendum del 18 settembre. Mentre le dimissioni del premier britannico David Cameron quest'anno sono date 4 a 1. William Hill offre invece un 6 a 1 per l'uscita di scena del primo ministro entro le elezioni del maggio 2015.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS