Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Addio allo scrittore e giornalista Ermanno Rea, che a Napoli, sua città natale, ha dedicato romanzi di successo, con una narrazione tra rabbia e amore.

Il decesso è avvenuto la notte scorsa nella sua casa di Roma all'età di 89 anni. Era autore dei libri "Il Po si racconta. Uomini donne paesi e città di una Padania sconosciuta" (Gambero Rosso 1990, ristampato da Il Saggiatore nel 1996), "L'ultima lezione. La solitudine di Federico Caffè scomparso e mai più ritrovato" (Einaudi 1992), "Mistero napoletano. Vita e passione di una comunista negli anni della guerra fredda" (Einaudi 1995, Premio Viareggio 1996), "Fuochi fiammanti a un'hora di notte" (Rizzoli 1998, Premio Campiello 1999), "La dismissione" (Rizzoli 2002, finalista al Premio Strega) e "Napoli Ferrovia" (Rizzoli 2007).

Nel 2011 è uscito da Feltrinelli "La fabbrica dell'obbedienza. Il lato oscuro e complice degli italiani" (Premio Brancati-Zafferana 2011). Sempre da Feltrinelli sono apparsi i libri "Io reporter" (2012), "Il sorriso di don Giovanni" (2014) e "Il caso Piegari" (2014). Tra gli altri suoi lavori recenti "La comunista. Due storie napoletane" (Giunti, 2012).

Ermanno Rea, che ha lavorato come giornalista per numerosi quotidiani e settimanali, è stato un intellettuale di riferimento della sinistra, candidato alle ultime elezioni europee del 2014 con la lista di Tsipras.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS