Navigation

Scrittori e politici a cerimonia commemorativa per Daniel keel

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 ottobre 2011 - 18:32
(Keystone-ATS)

Diverse centinaia di persone hanno partecipato oggi a Zurigo a una cerimonia commemorativa per Daniel Keel, direttore e fondatore delle edizione Diogenes. Presenti molte personalità della cultura e della politica.

Tra gli autori presenti pubblicati da Keel figuravano, tra l'altro, Donna Leon, Lukas Hartmann, Martin Suter, Leon De Winter. Tra i politici, l'ex consigliere federale Moritz Leuenberger.

Daniel Keel è deceduto il 13 settembre nel suo domicilio di Zurigo all'età di 80 anni. Keel ha fondato la Diogenes Verlag nel 1952 insieme al suo socio in affari Rudolf C. Bettschart.

Editore nonché amico di personaggi come Federico Fellini, Friedrich Dürrenmatt, Georges Simenon e Patrizia Highsmith, Keel ha ricevuto lo scorso mese di giugno la medaglia dell'associazione dei librai tedeschi "per il suo grande impegno" in favore del libro. In luglio il ministro francese della cultura Frédéric Mitterand lo ha inoltre insignito del titolo di "Chevalier de l'Ordre des Arts e des Lettres".

La Diogenes è considerata la più grande casa editrice europea che pubblica prevalentemente narrativa: in quasi 60 anni ha stampato 5800 titoli con una tiratura complessiva di 190 milioni di copie.

Daniel Keel è nato il 10 ottobre 1930 ad Einsiedeln (SZ). Ha frequentato la scuola del locale convento e a 14 anni ha interrotto gli studi per andare a Zurigo e seguire un apprendistato in una libreria. Prima di diventare editore, si è cimentato anche come pittore, attore e scrittore. Ha pubblicato il suo primo libro, quale editore, nel 1952: una raccolta del disegnatore Ronald Searle. La prefazione la scrisse Fridrich Dürrenmatt, di cui la Diogenes ha in seguito pubblicato tutte le opere.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?