Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Se Berlusconi fosse stato un gay, nessuno lo avrebbe toccato con un dito": lo ha detto Vladimir Putin al club di Valdai parlando della condanna del Cavaliere ad un incontro al quale era presente anche l'ex presidente della Commissione europea Romano Prodi. "Berlusconi è sotto processo perché vive con le donne", ha aggiunto il presidente russo.

Il siparietto è nato durante uno scambio di battute tra il leader del Cremlino e Prodi, seduti l'uno accanto all'altro durante il confronto finale tra Putin e gli esperti del club di Valdai, che ogni anno riunisce politologi, giornalisti ed esponenti politici su tematiche russe e internazionali.

"Sì, so che tra voi non ci sono buoni rapporti, ma Berlusconi è sotto processo perché vive con le donne, se fosse un gay nessuno lo avrebbe toccato con un dito", ha detto il leader del Cremlino, facendo inarcare le sopracciglia a Prodi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS