Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Fumare durante il primo trimestre di gravidanza può aumentare fino al 70% il rischio di patologie congenite al cuore dei bambini. Più si fuma e più il bebè corre il rischio di problemi cardiaci, soprattutto se la mamma ha superato i 35 anni di età.

Lo rileva una ricerca presentata al congresso della Pediatric academic societies, appena concluso a Vancouver, Canada. I ricercatori del Seattle Childern's hospital hanno analizzato i certificati di nascita e le cartelle cliniche degli ospedali dello Stato di Washington di oltre 14.000 bambini nati con difetti cardiaci far il 1989 e il 2011, confrontandoli con oltre 62.000 nati sani.

Dai certificati è stato anche possibile desumere se le madri fumassero durante il primo trimestre d'attesa e quanto. "I nati da mamme fumatrici avevano dal 50 al 70% di rischio in più di avere difetti alle valvole cardiache e ai vasi che trasportano il sangue ai polmoni, e circa il 20% di rischio in più di avere difetti al setto atriale, cioè la presenza di fori nella parete che separa le due camere del cuore, anomalie che richiedono interventi invasivi per correggerle - spiegano gli autori in una nota dell'ospedale.

"Più si fuma e più si rischia e le donne fumatrici che hanno superato i 35 anni di età corrono rischi ancora maggiori - sottolinea Patrick Sullivan, che ha diretto lo studio. Dallo studio risulta anche che circa il 10 % delle future mamme continua a fumare nei primi mesi d'attesa e gli scienziati stimano che il fumo sia responsabile dall'1 al 2% di tutti i difetti cardiaci dei bebè.

SDA-ATS