Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Segreteria di Stato dell'economia (SECO) stila un bilancio positivo della Nuova politica regionale (NPR) della Confederazione. Oltre 1800 progetti economici sono stati finanziati nelle zone rurali, montane e di confine.

La NPR, scrive la SECO in una nota, "è richiesta": nel primo programma pluriennale, valido per il periodo 2008-2015, la Confederazione ha concesso contributi a fondo perso e mutui rimborsabili per rispettivamente 250 e 320 milioni di franchi.

L'applicazione della NPR è compito di Confederazione e Cantoni. Questi ultimi, responsabili dell'attuazione, sono tenuti a partecipare finanziariamente alla realizzazione dei programmi in misura almeno equivalente a quella di Berna.

A livello di investimenti, le ricadute della NPR sono considerevoli. Nel caso dei progetti finanziati mediante contributi a fondo perso, fa notare il governo, "per ogni franco versato dalla Confederazione, Cantoni e terzi ne investono almeno tre; nel caso dei mutui, il rapporto è addirittura di almeno 1 a 4".

Nei settori dell'industria e dell'artigianato, tramite la NPR, la Confederazione garantisce alle piccole e medie imprese l'accesso alle competenze necessarie. È così ad esempio stato possibile finanziare la realizzazione del progetto vodese "EcoRobotix". Si tratta di un veicolo fuoristrada robotizzato, funzionante a energia solare, utilizzabile in agricoltura per sradicare le piante infestanti in modo ecologico.

Nel nuovo programma pluriennale 2016-2023, ad essere prioritari saranno i settori "industria" e "turismo". Considerato il progressivo mutamento strutturale in corso, nel periodo in questione la richiesta di mezzi finanziari dovrebbe crescere ulteriormente. Attualmente le domande avanzate dai Cantoni superano nettamente la disponibilità finanziaria.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS