Navigation

Seconda ondata Covid fa paura, Borse crollano

Borse mondiali in profondo rosso. (immagine simbolica) Keystone/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 11 giugno 2020 - 22:26
(Keystone-ATS)

Giovedì nero per le borse. Il timore di una seconda ondata di coronavirus e il quadro difficile dipinto dalla Fed per l'economia americana affondano le piazza finanziarie mondiali e il petrolio.

L'Europa chiude in profondo rosso bruciando 328 miliardi. Parigi crolla del 4,71%, Francoforte del 4,46%. Milano chiude in calo del 4,81% e vede andare andare in fumo 21,6 miliardi. Tonfo anche per Wall Street, dove il Dow Jones termina la seduta con un -6,90%.

Ad agitare i mercati è la situazione coronavirus in Brasile e una possibile seconda ondata negli Stati Uniti, dove ormai è stata superata la soglia dei 2 milioni di casi con oltre 111'000 morti.

In 21 Stati americani il numero dei contagiati è in aumento e particolarmente colpiti sono quelli che per primi hanno riaperto dopo il lockdown. Fra questi il Texas, che ha registra da giorni un numero record di ricoveri. Non va meglio all'Arizona, in cui il numero di casi è raddoppiato nelle ultime due settimane.

Ora il timore è concentrato sulle manifestazioni di massa per George Floyd, che hanno portato in piazza milioni di americani esponendoli potenzialmente al virus.

Di fronte al quadro medico che si complica il segretario al Tesoro statunitense, Steven Mnuchin, sgombra il campo da equivoci: "non possiamo chiudere un'altra volta l'economia americana", dice senza mezzi termini. La sua chiarezza nasconde una preoccupazione per lo stato di salute dell'economia a stelle e strisce che sta faticosamente cercando di recuperare. Chiudere - spiega infatti Mnuchin - vorrebbe dire creare più danni.

Che il coronavirus sia destinato a lasciare cicatrici a lungo termine sulle due sponde dell'Atlantico sembra ormai quasi scontato. L'avvertimento del Fondo monetario internazionale (Fmi) sul rischio di 100 milioni di nuovi poveri estremi si va ad aggiungere all'allarme dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) e alle stime caute della Federal Reserve sulla crescita e soprattutto sul mercato del lavoro.

Previsioni, quelle della banca centrale americana, che trovano conferma nel nuovo aumento delle richieste dei sussidi alla disoccupazione, saliti di altri 1,5 milioni. "La Fed resta preoccupata per la traiettoria della ripresa. I rischi legati a nuove ondate di infezioni, alle prossime elezioni, alla debole ripresa globali e alle tensioni commerciali" complicheranno probabilmente la strada della ripresa, affermano gli analisti.

La preoccupazione sull'economia mondiale innesca così un'ondata di vendite sui mercati, dalla quale non si salva il petrolio, che arriva a perdere oltre il 10% a New York temendo una domanda ai minimi ancora per diverso tempo. Un tempo tutto da quantificare per una ripresa che appare ancora lontana.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.