Navigation

SEM: calano in febbraio le richieste di asilo

Calano le richieste di asilo KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 marzo 2020 - 10:33
(Keystone-ATS)

Domande d'asilo in calo in Svizzera in febbraio: le richieste presentate sono state 1071, pari a una riduzione del 13,9% rispetto a gennaio e del 13,6% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Lo indica la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) in una nota.

I principali Paesi di provenienza sono Eritrea (176 domande; 17 in meno rispetto a gennaio), Afghanistan (123; -13), Turchia (96; -33), Algeria (87; -6) e Siria (79; -20).

Nel mese in rassegna la SEM ha evaso 1760 domande in prima istanza. L'asilo è stato concesso a 509 persone, 470 sono quelle ammesse a titolo provvisorio.

Le decisioni di non entrata nel merito sono state 260 (198 delle quali in virtù dell'accordo di Dublino). Il numero di casi ancora pendenti (in prima istanza) si attesta ora a 7459, 553 in meno rispetto a gennaio.

Il mese scorso la Svizzera ha espulso 427 persone. Ha inoltre chiesto ad altri Stati dell'accordo di Dublino la presa in carico di 407 richiedenti asilo e 145 sono stati trasferiti. La Confederazione ha invece ricevuto 425 domande di presa in carico e ha accolto 84 persone.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.