Navigation

SEM: determinante è aeroporto di partenza, non di transito

Determinante sarà l'aeroporto di partenza KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 agosto 2020 - 17:27
(Keystone-ATS)

Da lunedì ad essere determinante, per i viaggiatori che giungono in Svizzera in aereo da uno Stato considerato a rischio coronavirus, sarà l'aeroporto di partenza e non più quello di transito. Lo ha annunciato oggi la Segreteria di Stato della migrazione (SEM).

La misura, si legge in una nota, è pensata per evitare gli abusi. Le restrizioni d'entrata finora vigenti possono infatti venir eluse scegliendo un aeroporto di transito in un Paese non a rischio. Ciò concerne, ad esempio, le persone che partono dagli Stati Uniti transitando dal Canada. Quest'ultimo, a differenza degli USA, non è infatti considerato a rischio. Da lunedì ciò non sarà più possibile.

Il medesimo principio sarà applicato anche nel caso contrario: i viaggiatori provenienti da Stati sicuri potranno entrare in Svizzera anche se a causa della mancanza di voli diretti devono transitare per un Paese a rischio. Unica condizione: non devono uscire dalla zona di transito internazionale dell'aeroporto in cui prendono la coincidenza.

Da notare che i cittadini svizzeri e quelli di uno Stato dell'UE/AELS possono sempre entrare in Svizzera e da tutti i Paesi del mondo. Se giungono da uno Stato a rischio (dagli USA via il Canada - da lunedì - ad esempio) devono però mettersi in quarantena.

Per i cittadini degli Stati terzi l'entrata in Svizzera in partenza da un Paese a rischio extra Schengen non è invece possibile. Per chi viaggia all'interno dello spazio Schengen e in provenienza dagli Stati dell'UE non vige invece alcuna restrizione d'entrata.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.