Navigation

Sempione: sospesa rimozione vagoni bruciati

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 giugno 2011 - 16:45
(Keystone-ATS)

Le FFS hanno sospeso l'evacuazione verso Briga (VS) dei vagoni bruciati che si trovano ancora all'interno della galleria del Sempione. Le ferrovie vogliono infatti disporre della massima capacità disponibile nel tunnel in modo da far circolare un maggior numero di treni merci e recuperare così i ritardi accumulati.

"Per questa settimana la rimozione del convoglio bruciato è sospesa", ha dichiarato all'ATS il portavoce delle FFS Christian Ginsig. Ci sono infatti ancora molti treni in attesa di attraversare la Svizzera in Germania e in Italia.

Ieri sera è stata riaperta al traffico ferroviario anche la metà nord del traforo teatro dell'incendio. A circa metà galleria esiste infatti una stazione di emergenza che permette ai treni di transitare da una tubo all'altro.

Grazie a questa misura è stato possibile portare la capacità della galleria a sette treni all'ora, ciò che corrisponde a 168 convogli al giorno. Attualmente il problema principale non è dunque più la capacità ma i ritardi: in tempo normale transitano infatti giornalmente nel tunnel circa 130-140 treni.

Per il momento i viaggiatori vengono trasportati con un treno navetta: chi vuole recarsi a Milano deve cambiare a Briga e Domodossola, fatto che provoca circa 20 minuti di ritardo rispetto all'orario usuale.

Grazie all'ausilio del treno navetta è possibile raggruppare il traffico internazionale e quello locale in un solo convoglio. In questo modo si sfruttano al massimo le capacità del tunnel (due treni passeggeri e cinque merci all'ora), hanno indicato le FFS.

Questa situazione persisterà fin tanto che i vagoni bruciati non saranno trasportati fuori dalla galleria. I lavori di rimozione necessitano infatti chiusure temporanee di uno dei due cunicoli.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?