Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Serbia vuole che Dominique Strauss-Kahn entri nel suo governo in veste di consigliere. La domanda è stata avanzata ufficialmente dal vice premier serbo Aleksandar Vucic all'ex direttore del Fondo Monetario Internazionale.

"Abbiamo parlato brevemente della possibilità di una cooperazione", ha dichiarato Vucic in un'intervista alla Tv privata B92. Quello che è certo è che DSK "non sarà ministro ma potrà - ha aggiunto il vice premier - come consigliere, aiutarci a gestire il debito pubblico".

Per il momento si tratta solo di un "primo contatto" ma tutto resta ancora da stabilire anche perché l'ex ministro francese chiede "molti soldi", è stato precisato.

Il fatto che DSK, 64 anni, sia stato coinvolto in uno scandalo a sfondo sessuale a New York, dopo le accuse di stupro da parte di una cameriera del Sofitel, e che l'anno prossimo dovrà rendere conto alla giustizia transalpina per sfruttamento della prostituzione in un giro di squillo a Lille, non sembra aver peso sulle scelte del governo serbo.

Le accuse contro DSK "sono un problema per altri paesi ma non per noi", ha precisato Vucic. La Serbia si sta preparando ad un rimpasto di governo per risollevare l'economia del paese anche in vista dei futuri negoziati di adesione all'Unione europea.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS