Navigation

Serbia: presidenziali, Seselj candida sua moglie

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 aprile 2012 - 15:16
(Keystone-ATS)

Il leader del Partito radicale serbo (Srs) Vojslav Seselj, in prigione in Belgio sotto processo del Tribunale penale internazionale dell'Aja, ha deciso di candidare sua moglie Jadranka per le elezioni presidenziali serbe che si terranno il 6 maggio, in concomitanza con quelle parlamentari e amministrative.

La decisione è stata annunciata oggi dal collegio presidenziale del partito ultranazionalista, ma la proposta è arrivata dallo stesso Seselj, che nonostante i nove anni di prigionia e tutt'ora in attesa della sentenza finale del Tpi sui crimini di guerra in Bosnia e Erzegovina, resta il presidente del Srs. "Jadranka Seselj è una donna che ha provato coraggio e prontezza di sacrificio durante questi nove anni. La Serbia ha bisogno di gente che come come lei sa sacrificarsi per la sua famiglia", si legge in un comunicato del partito.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?