Navigation

Serbia: rubano tubi di rame in ospedale, pazienti a rischio

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 giugno 2011 - 17:59
(Keystone-ATS)

Sconosciuti hanno rubato alcuni tubi di rame attraverso i quali passava l'ossigeno, mettendo a rischio la vita di molti pazienti nell'ospedale di Novi Pazar, capoluogo del Sangiaccato, regione a maggioranza di popolazione musulmana nel sudovest della Serbia.

Come riferiscono oggi i giornali di Belgrado, il furto è avvenuto nella notte tra lunedi" e martedi scorsi nei sotterranei dell'ospedale. Non è la prima volta che in Serbia si registrano furti di rame, che viene poi venduto a peso sul mercato nero.

Avdo Ceranic, direttore dell'ospedale, ha detto che fortunatamente i medici e il personale infermieristico sono riusciti in breve tempo a ovviare al grave problema, attingendo alle bombole di ossigeno di riserva, presenti per i casi di emergenza. "Al momento del furto erano in corso vari interventi chirurgici, ma siamo riusciti a garantirci in qualche modo l'ossigeno", ha aggiunto Ceranic, precisando che nessun paziente ha subito conseguenze.

Una ferma condanna del furto all'ospedale di Novi Pazar è venuta tra gli altri dal ministro della sanità serbo, Zoran Stankovic.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?