Navigation

Serbia-Croazia: Ue, accuse genocidio danneggiano rapporti

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 gennaio 2010 - 21:46
(Keystone-ATS)

BELGRADO - La priorità della politica della Ue nei Balcani consiste nel favorire rapporti di buon vicinato fra i vari paesi della regione, ma le accuse reciproche di genocidio presentate da Serbia e Croazia alla Corte internazionale di giustizia non contribuiscono a progredire su questa strada.
Lo ha detto oggi il capo della rappresentanza dell'Unione europea in Serbia Vincent Degert. In dichiarazioni riportate dall'agenzia Tanjug, Degert ha aggiunto che la Ue intende incoraggiare Belgrado e Zagabria a riprendere il dialogo anche sulle accuse reciproche di genocidio.
Il neoeletto presidente della Croazia Ivo Josipovic, in interviste oggi ai media serbi, ha detto da parte sua di voler proporre a Belgrado che i due paesi rinuncino entrambi alle rispettive denunce di genocidio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.