Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BELGRADO - La priorità della politica della Ue nei Balcani consiste nel favorire rapporti di buon vicinato fra i vari paesi della regione, ma le accuse reciproche di genocidio presentate da Serbia e Croazia alla Corte internazionale di giustizia non contribuiscono a progredire su questa strada.
Lo ha detto oggi il capo della rappresentanza dell'Unione europea in Serbia Vincent Degert. In dichiarazioni riportate dall'agenzia Tanjug, Degert ha aggiunto che la Ue intende incoraggiare Belgrado e Zagabria a riprendere il dialogo anche sulle accuse reciproche di genocidio.
Il neoeletto presidente della Croazia Ivo Josipovic, in interviste oggi ai media serbi, ha detto da parte sua di voler proporre a Belgrado che i due paesi rinuncino entrambi alle rispettive denunce di genocidio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS