Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il settore svizzero dell'ingegneria e della pianificazione nella costruzione necessita di almeno 800 specialisti stranieri all'anno. Il bisogno supplementare di personale qualificato è stimato a 4000 professionisti all'anno. È quanto ha comunicato oggi l'Unione svizzera degli studi Consulenti di ingegneria (Usic).

In base ai risultati dell'indagine realizzata tra i datori di lavoro membri dell'associazione, l'Usic parte dal presupposto che nel corso dei prossimi cinque anni il settore dell'ingegneria e della pianificazione nella costruzione continuerà a crescere in modo evidente. Il 20% di personale qualificato necessario sarà di origine straniera.

L'Usic invita il Consiglio federale e il Parlamento a prendere sul serio i bisogni del settore della costruzione e della pianificazione nell'applicazione dell'iniziativa popolare dell'UDC contro l'immigrazione di massa, approvata dal popolo lo scorso febbraio: nelle regioni di confine come Ticino, Ginevra-Losanna e Basilea i professionisti stranieri rappresentano fino il 40%.

L'affluenza di ingegneri e progettisti stranieri non può essere semplicemente fermata. Le autorità federali devono tener conto di questo aspetto altrimenti si rischia di danneggiare non solo il settore, ma l'intera economica del Paese.

Le imprese affiliate all'Usic danno lavoro a circa 14'000 persone, il 20,5% (2900) delle quali prive di un passaporto svizzero. Dei 2900 lavoratori stranieri - precisa l'Usic - il 90% proviene dalla zona Ue. Il 67% di questi abitano in Svizzera, mentre i restanti sono frontalieri.

L'Usic calcola un bisogno annuale di nuovo personale qualificato del 10%. Tale tasso, per le imprese Usic, corrisponde a 1600 persone fino al 2019. Partendo dal presupposto che le ditte Usic coprono circa il 40% del mercato svizzero dell'ingegneria e della pianificazione (architettura esclusa), il bisogno annuale estrapolato per l'intero settore si eleva a circa 4000 persone. Se la quota di stranieri resta intorno al 20%, significa che almeno 800 persone qualificate devono arrivare ogni anno dall'estero, sottolinea l'Usic.

SDA-ATS