Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Primo semestre difficile per l'industria svizzera dell'alluminio, penalizzata dalla debolezza della congiuntura in Europa e dalla forza del franco. Il comparto, che esporta l'80% della produzione, ha registrato un calo del 9,4% del volume dei nuovi ordinativi, passati a 30'186 tonnellate.

Lo ha comunicato oggi alu.ch, l'associazione delle imprese del ramo. Le commesse provenienti dalla Svizzera sono diminuite del 13,5%, quelle dall'estero del 6%.

Secondo un sondaggio compiuto dall'organizzazione presso la quarantina di membri, il tasso di utilizzo delle capacità è giudicato ancora soddisfacente, grazie alle forniture ai settori delle costruzioni, dell'imballaggio, dell'aeronautica e dell'automobile.

Le ordinazioni provenienti da clienti dei comparti fotovoltaico, elettronico e delle macchine sono invece in forte calo (tra 13,5% e il 20%), soprattutto a causa del raffreddamento della congiuntura in Europa. La crescita dell'export verso l'Asia e il Nord America non ha premesso di compensare tale andamento.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS