Tutte le notizie in breve

L'intesa prevede tra l'altro un aumento dei salari minimi fino al 2,5%

Keystone/MARCEL BIERI

(sda-ats)

Nuovo contratto collettivo di lavoro (CCL) per il settore tessile e dell'abbigliamento.

L'intesa concordata dai sindacati Unia e Syna con l'associazione padronale Swiss Textiles prevede un aumento dei salari minimi (fino a +2,5%), più diritti di partecipazione per i dipendenti e una maggiore protezione contro i licenziamenti per i lavoratori di oltre 55 anni.

Il nuovo CCL - spiega un comunicato odierno di Unia - comprende anche un congedo maternità prolungato a 16 mesi, un congedo paternità di 5 giorni e un congedo di adozione di 10 giorni. Per la prima volta gli apprendisti saranno sottoposti alle principali disposizioni del contratto, beneficiando così fra l'altro di un salario minimo e di una tredicesima mensilità.

Il CCL entrerà in vigore il primo luglio per una durata di quattro anni. Si applicherà a cinque aziende per un totale di 1600 persone.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve