Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'intesa prevede tra l'altro un aumento dei salari minimi fino al 2,5%

Keystone/MARCEL BIERI

(sda-ats)

Nuovo contratto collettivo di lavoro (CCL) per il settore tessile e dell'abbigliamento.

L'intesa concordata dai sindacati Unia e Syna con l'associazione padronale Swiss Textiles prevede un aumento dei salari minimi (fino a +2,5%), più diritti di partecipazione per i dipendenti e una maggiore protezione contro i licenziamenti per i lavoratori di oltre 55 anni.

Il nuovo CCL - spiega un comunicato odierno di Unia - comprende anche un congedo maternità prolungato a 16 mesi, un congedo paternità di 5 giorni e un congedo di adozione di 10 giorni. Per la prima volta gli apprendisti saranno sottoposti alle principali disposizioni del contratto, beneficiando così fra l'altro di un salario minimo e di una tredicesima mensilità.

Il CCL entrerà in vigore il primo luglio per una durata di quattro anni. Si applicherà a cinque aziende per un totale di 1600 persone.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS