Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il corpo senza vita di una bimba è stato trovato martedì pomeriggio nella cantina di una casa di Staad, nel canton San Gallo. Una donna di 32 anni e un uomo di 52, presumibilmente i genitori della piccola, sono stati arrestati.

All'origine del ritrovamento vi è un allarme lanciato dall'Autorità di protezione dei minori e degli adulti (APMA) di Rorschach, chiamata ad occuparsi della famiglia. Quest'ultima, oltre alla presunta vittima, comprende altri tre figli, tutti affidati a terzi.

Recentemente la madre aveva fatto richiesta per riottenere l'affidamento di due di essi: l'AMPA è quindi stata incaricata di valutare la situazione, ha indicato all'ats il portavoce della polizia sangallese Hanspeter Krüsi.

Nel corso degli accertamenti l'organo non è stato in grado di determinare dove si trovasse l'ultimogenita della coppia, una bimba di 2 anni che in teoria viveva ancora con i genitori. L'APMA ha quindi sporto denuncia penale per violazione del dovere d'assistenza o educazione. La polizia, incaricata di indagare sul caso, ha proceduto alla perquisizione del presunto domicilio della piccola, a Staad: nella cantina dell'edificio gli agenti hanno trovato un cadavere.

Le cause e la data del decesso non sono ancora state chiarite, ma secondo gli inquirenti potrebbe trattarsi di un omicidio. La polizia sangallese precisa che non è ancora stato possibile accertare l'identità della vittima a causa del cattivo stato del corpo, anche se è assai probabile che si tratti della bimba in questione.

La madre della piccola, una cittadina tedesca di 32 anni, è stata posta in detenzione preventiva, mentre il padre, uno svizzero di 52 anni apparso "non in condizione d'essere incarcerato", è stato ricoverato in una struttura psichiatrica.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS