Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un cinese che nel 2005 aveva preso in ostaggio una famiglia a San Gallo è stato condannato a sette anni di reclusione. Il 32enne aveva minacciato di soffocare le due figlie della coppia.

Il tribunale distrettuale di San Gallo lo ha riconosciuto colpevole di presa d'ostaggio e rapina.

Nel novembre del 2005 si era introdotto nell'abitazione della coppia assieme a due complici. Quando il padre è rientrato a casa assieme alle due figlie, i tre uomini, mascherati e armati, li hanno aggrediti e immobilizzati.

Dopo aver rubato all'uomo 3'000 franchi che aveva con sé, hanno atteso il ritorno della moglie. Hanno minacciato di uccidere le due bambine di otto e dodici anni se la donna non avesse consegnato loro la carta bancaria. Mentre i tre tentavano di svuotare il conto bancario, il marito è riuscito a liberarsi e ad avvisare la polizia.

I malviventi erano nel frattempo fuggiti. Il cinese, oggi 32enne, è stato arrestato lo scorso anno a Bordeaux ed estradato in Svizzera. Nel frattempo era stato condannato nel 2006 a cinque anni di reclusione per un'altra rapina.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS