Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

SCIAFFUSA - È stata un'overdose di cocaina la causa della morte del nigeriano di 42 anni morto il 29 aprile scorso poco dopo l'arresto avvenuto alla dogana di Thayngen, vicino a Sciaffusa. L'uomo aveva ingoiato ovuli contenenti la polvere bianca.
Il nigeriano si era sentito male al posto di polizia ed era deceduto poco dopo l'arrivo dell'ambulanza. Gli inquirenti avevano in un primo tempo indicato che l'uomo è rimasto probabilmente soffocato da un ovulo, contenente droga, che aveva ingoiato prima di attraversare la frontiera. Dall'autopsia realizzata all'istituto di medicina legale di Zurigo è però emerso che il decesso è dovuto ad una grave intossicazione da cocaina.
Il nigeriano è stato arrestato perché nascondeva nel corpo diversi ovuli contenti lo stupefacente. L'inchiesta condotta dalla procura di Sciaffusa non ha evidenziato nessun comportamento di rilevanza penale da parte degli agenti che lo hanno arrestato, precisa la polizia in una nota.

SDA-ATS