Navigation

Shanghai ricorda gli ebrei svizzeri sfuggiti alla Shoah

Si è aperta ieri a Shanghai l'esposizione che ha già girato diversi paesi. sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 13 dicembre 2019 - 18:52
(Keystone-ATS)

Il Museo degli ebrei rifugiati a Shanghai ha inaugurato ieri una mostra dedicata ai sopravvissuti svizzeri della Shoah.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, decine di migliaia di ebrei sfuggiti all'Olocausto arrivarono a Shanghai dall'Europa, stabilendosi per lo più in un'area situata a nord del fiume Suzhou. Riuscirono a sfuggire alle atrocità del nazismo grazie all'aiuto del popolo cinese, con il quale hanno instaurato un profondo legame di amicizia.

I loro racconti e le loro testimonianze sono raccolti nella rassegna "The Last Swiss Holocaust Survivors", che ne mostra i ritratti in bianco e nero e diversi filmati.

La mostra approda per la prima volta in Cina dopo essersi soffermata in Svizzera, negli Stati Uniti, in Germania, a Singapore, in Albania, Israele e Italia.

I resoconti dei testimoni, ha sottolineato il console generale svizzero a Shanghai, Olivier Zehnder, mantengono viva la memoria delle atrocità naziste.

Secondo il diplomatico elvetico, la manifestazione può sensibilizzare l'opinione pubblica su questa pagina buia della storia umana. La gente devono rendersi conto dell'urgenza di preservare e registrare le storie dei testimoni, prima che non ci siano più.

Sara Imas, una visitatrice di origini ebraiche, ha definito "impressionante" la mostra di Shanghai.

"Queste foto sono strettamente legate a tutti noi e risvegliano la coscienza delle persone", ha aggiunto Imas. "Dovremmo assumere un atteggiamento più positivo e dedicare più tempo allo studio e alla comprensione della storia".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.