Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

TOKYO - Lo scandalo scommesse nel mondo del sumo, segnato anche da infiltrazioni della Yakuza, la mafia nipponica, si allarga a macchia d'olio e rischia di mettere in ginocchio lo sport piu' tradizionale del Giappone, al punto che potrebbe saltare il torneo di Nagoya del prossimo 11 luglio.
A dare l'ulteriore accelerata agli eventi e' stato il fresco mandato d'arresto nei confronti dell'ex lottatore Mitsutomo Furuichi, fratello maggiore di un altro 'sumotori' in attivita'.
L'uomo, 38 anni e al momento irreperibile, e' accusato di aver estorto denaro - si parla di almeno 3,5 milioni di yen, circa 32.000 euro - al lottatore Kotomitsuki, che cosi' comprava il silenzio sul suo debole per le scommesse clandestine sul campionato di baseball.

SDA-ATS