Navigation

Si tenta il rientro della navetta americana Starliner

È atterrata la capsula Starliner. KEYSTONE/EPA/jk MS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 dicembre 2019 - 14:38
(Keystone-ATS)

È atterrata la capsula Starliner costruita dalla Boeing per la Nasa.

Era stata lanciata il 20 dicembre nel volo di prova senza equipaggio diretto alla Stazione Spaziale, ma per un problema al timer di bordo la navetta stava utilizzando troppo carburante ed è stato necessario deviarla su un'orbita di sicurezza, diversa da quella prevista.

"Congratulazioni per il successo!", ha scritto su Twitter l'amministratore capo della Nasa, Jim Bridenstine.

Lanciata da Cape Canaveral (Florida), la navetta è stata costruita dalla Boeing per la Nasa per restituire agli Stati Uniti la capacità di trasportare uomini nello spazio, insieme alla Crew Dragon della SpaceX, e il successo del test sarebbe stato cruciale per dare luce verde al primo volo con astronauti a bordo.

Quello di oggi era il primo tentativo di rientro. A frenare la capsula nella sua corsa verso la superficie terrestre sono stati i suoi tre paracadute principali e l'airbag che si è gonfiato nel momento in cui lo scudo protettivo è stato sganciato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.