L'Unione Svizzera dei Contadini (USC) ha consegnato oggi alla Cancelleria federale 150'000 firme raccolte in tempo record a favore dell'iniziativa "Per la sicurezza alimentare", informa una nota odierna dell'organizzazione che avrebbe avuto il tempo fino ad agosto 2015 per riunire 100'000 sottoscrizioni.

La raccolta era cominciata l'11 febbraio e in soli tre mesi ha raggiunto il suo obiettivo. Il successo è spiegabile con "la buona organizzazione all'interno del settore dell'agricoltura, il grande impegno per la raccolta e la forte adesione della popolazione", scrive l'USC.

L'iniziativa, nata come reazione alla Politica agricola 2014-2017 votata dal parlamento, chiede alla Confederazione di rafforzare l'approvvigionamento della popolazione con derrate alimentari provenienti da una produzione indigena sostenibile. A tale scopo, le autorità federali devono adottare provvedimenti efficaci contro la perdita di terreni coltivabili, conclude l'associazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.