Navigation

Silvia Bär lascia la carica di vice segretaria generale UDC

La vice segretaria dell'Udc ritratta con Thomas Aeschi, già candidato del partito per la sostituzione dell'allora consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf. KEYSTONE/ALESSANDRO DELLA VALLE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 ottobre 2019 - 12:03
(Keystone-ATS)

Silvia Bär ha annunciato che alla fine dell'anno si dimetterà dalla carica di vice segretaria generale dell'UDC. La sua decisione non ha nulla a che fare con i risultati elettorali.

A riferire delle sue dimissioni è stato il portale online "Nau.ch". Come indicato da Bär, interpellata da Keystone-ATS, il presidente del partito UDC Albert Rösti era già stato informato di questa decisione dall'interessata già nel corso dell'estate.

Bär ha dichiarato di volersi prendere cura dei suoi genitori e della sua ditta. In seno all'UDC ha condotto diverse campagne nazionali.

Nell'aprile del 2017 il Tribunale federale aveva confermato una sua condannata per discriminazione razziale per l'inserzione "Kosovaren schlitzen Schweizer auf" ("Dei kosovari pugnalano uno svizzero").

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.