Navigation

Simboli nazisti: Commissione razzismo critica CF, vanno vietati

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 luglio 2010 - 17:16
(Keystone-ATS)

BERNA - Dure critiche al Consiglio federale da parte della Commissione federale contro il razzismo (CFR) e della Fondazione contro il razzismo e l'antisemitismo (GRA): la decisione presa dal governo, la settimana scorsa, di rinunciare a una legge che vieti il saluto nazista, la croce uncinata e altri simboli del Terzo Reich è "assai deplorevole" e "gravida di conseguenze": la Svizzera rischia infatti di trasformarsi in una sorta di magazzino europeo dove vengono custoditi materiali di estrema destra, affermano le due organizzazioni in un comunicato odierno.
La motivazione addotta dall'esecutivo per rinunciare a legiferare in materia - la proibizione sarebbe difficile da attuare - viene considerata "poco plausibile": secondo CFR e GRA ogni normativa va infatti rodata attraverso la prassi giudiziaria. La riluttanza dimostrata verso una migliore protezione contro l'estremismo di destra in Svizzera assume una connotazione molto negativa alla luce del continuo inasprimento del diritto in materia di stranieri e di asilo e agli sforzi compiuti nei paesi vicini per rafforzare la loro legislazione contro il neonazismo, denunciano le due organizzazioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.