Navigation

Simonetta Sommaruga visita CHUV ed esprime sua gratitudine

La presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga all'esterno dell'ospedale universitario di Losanna, insieme tra gli altri alla presidente del governo vodese Nuria Gorrite (a sinistra). KEYSTONE/JEAN-BERNARD SIEBER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 07 aprile 2020 - 16:26
(Keystone-ATS)

Simonetta Sommaruga si è recata oggi nel cantone di Vaud uno dei più colpiti dall'epidemia di coronavirus. La presidente della Confederazione ha in particolare visitato le urgenze e le cure intensive dell'Ospedale universitario di Losanna (CHUV).

Al termine di questa visita la consigliera federale si è detta "profondamente commossa e piena di gratitudine" per il personale curante e tutti coloro che operano al suo fianco. "Il nostro sistema sanitario funziona bene e sta reggendo bene", ha detto Sommaruga alla stampa.

La presidente della Confederazione ha elogiato "l'anticipazione" di cui hanno dato prova gli ospedali nell'affrontare la crisi, ma anche il comportamento "di una grande maggioranza" della popolazione per il rispetto delle direttive. "Non è il momento di abbassare la guardia", ha tuttavia avvertito.

Come ieri, quando si è recata nelle imprese del Giura bernese e a Basilea Città, Sommaruga ha spiegato che il Consiglio federale sta preparando il dopo pandemia. "Siamo coscienti che la popolazione e le imprese hanno bisogno di sapere in quale direzione si sta andando", ha detto.

La presidente della Confederazione non ha rivelato gli scenari di "deconfinamento" previsti. Si è limitata ad indicare che avverrà in modo graduale e con l'intento di proteggere la popolazione.

Treni e sport

Oltre a visitare il CHUV, Sommaruga si è anche intrattenuta con membri del Consiglio di Stato vodese. Con la presidente del governo cantonale Nuria Gorrite ha in particolare parlato della situazione dei trasporti pubblici sia per quanto riguarda il ritardo nei cantieri sia il modo di rilanciare l'attrattiva del treno al termine della crisi.

La consigliera federale ha inoltre discusso di economia con Philippe Leuba. Questi ha colto l'occasione per citare alcune specificità vodesi come quelle relative alle federazioni sportive. Diverse di queste organizzazioni - nel cantone di Vaud ve ne sono più di 60 - soffriranno nei prossimi mesi a causa del rinvio dei Giochi olimpici di Tokyo, che rappresentano la loro principale fonte di entrate.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.