Navigation

Sindaco di Seul, trovato biglietto in cui chiede scusa

Si delineano i contorni della morte di Park. KEYSTONE/EPA/SEOUL CITY HALL HANDOUT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 luglio 2020 - 14:25
(Keystone-ATS)

Un biglietto di scuse "a tutte le persone che sono state nella mia vita" è stato trovato a casa del sindaco di Seul, Park Won-soon, scomparso ieri pomeriggio e ritrovato cadavere poche ore dopo a Mount Bugak, tra le montagne a nord della capitale sudcoreana.

La polizia sta ancora indagando sulle cause della morte e solo l'autopsia dirà se si sia trattato di suicidio, ma la nota trovata dagli inquirenti lascia pochi dubbi. "Mi scuso con tutti e ringrazio tutti coloro che hanno fatto parte della mia vita", scrive il sindaco che chiede di essere cremato e che le sue ceneri siano disperse sopra le tombe dei suoi genitori.

Il politico potrebbe, infatti, non aver retto l'umiliazione per un'accusa di molestie sessuali da parte di un'impiegata della municipalità di Seul. Caso sul quale ieri sera sarebbe dovuto andare in onda un programma tv.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.