Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Sindone è esposta da oggi al 24 giugno nel Duomo di Torino.

L'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia - custode pontificio del lenzuolo che, secondo la tradizione, ha avvolto il corpo di Gesù nel sepolcro - la considera un invito a "non lasciarsi mai abbattere dal male ma a vincerlo con il bene, a non arretrare mai di fronte alla violenza contro gli innocenti, dall'impegno di riconciliazione e di pace, fondati sulla giustizia e sulla verità dell'amore".

I fedeli - già un milione le prenotazioni per contemplare il Sacro Lino - si pongono "sulla scia di generazioni di pellegrini" e, sottolinea nella sua omelia monsignor Nosiglia, "ci farà bene sentirci gocce nel fiume, che scorre nei secoli, di un'umanità bisognosa di Dio, del suo affetto misericordioso, della sua comprensione amorosa e solidale".

"Allora con Papa Francesco (a Torino il 21 e 22 giugno, ndr) comprenderemo - sottolinea l'arcivescovo di Torino - che non siamo noi che guardiamo quel Volto, ma ci sentiremo guardati e invitati a non passare oltre, con superficialità, a tanta sofferenza attorno a noi e nel mondo".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS