Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

SINGAPORE - Il cittadino svizzero accusato a Singapore di aver imbrattato la metropolitana passerà due mesi in più in prigione. La condanna in prima istanza - cinque mesi di prigione e tre bastonate - era infatti stata ritenuta insufficiente dalla procuratrice Kan Shuk Weng che aveva presentato ricorso.
La corte d'appello ha quindi condannato lo svizzero a sette mesi di prigione e tre bastonate. Il 17 maggio scorso l'uomo si era introdotto in un deposito della metropolitana, assieme ad un cittadino britannico che nel frattempo ha lasciato Singapore, e aveva decorato di graffiti un convoglio.
Il consulente informatico di 32 anni, che beneficia della protezione consolare, aveva ammesso i fatti dopo essere stato accusato di vandalismo.
Un reato per il quale si rischia una pena detentiva fino a tre anni, otto bastonate e di multa pari a 2000 dollari singaporegni (1645 franchi).
La società della metropolitana da parte sua ha presentato una fattura di 11'000 dollari singaporegni (8697 franchi) che l'uomo ha promesso di pagare.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS