Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Decine di migliaia di civili siriani sono in fuga da una regione a nord di Aleppo per mettersi in salvo dai massicci bombardamenti russi e dai combattimenti tra ribelli e forze governative.

Una colonna di uomini, donne e bambini in marcia verso la Turchia, alcuni con i loro averi sulla testa, altri seduti vicino alla barriera al confine, che chiedono di essere lasciati entrare. Sono queste le drammatiche immagini diffuse oggi dalla televisione panaraba Al Jazeera.

Secondo testimoni sul terreno, sono almeno 40'000 le persone che dopo aver lasciato le loro case si stanno muovendo verso il confine turco, dove nei giorni scorsi ne erano arrivati oltre 3000. La Turchia ospita già 2,5 milioni di rifugiati siriani.

"Abbiamo lasciato le nostre case per le bombe russe, per gli sciiti che avanzano, per gli iraniani, Erdogan deve lasciarci entrare in Turchia", ha detto un ragazzo di 12 o 13 anni intervistato dalla televisione.

Testimoni e organizzazioni umanitarie hanno parlato di centinaia di raid aerei russi negli ultimi giorni, con interi villaggi distrutti. All'offensiva di terra delle truppe governative siriane partecipano anche miliziani sciiti libanesi Hezbollah e Pasdaran iraniani per lo meno nel ruolo di consiglieri.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS