Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Quarantacinque morti è il bilancio di scontri avvenuti ieri in Siria tra gruppi rivali jihadisti in una parte della provincia orientale di Deir az Zor sottratta al controllo delle truppe lealiste. Lo riferisce oggi l'ong Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus).

Secondo l'organizzazione, con base a Londra ma che si serve di una vasta rete di informatori nel Paese, i combattimenti hanno opposto in particolare miliziani dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante (Isis) e il Fronte al Nusra. Le vittime degli scontri sono stati rispettivamente 28 per l'Isis e 17 per Al Nusra.

Questa seconda organizzazione é stata riconosciuta da Al Qaida come propria filiale in Siria. Sia l'Isis sia Al Nusra sono state inserite dagli Usa nella lista delle organizzazioni terroristiche.

Dall'inizio dell'anno sono stati circa 6000 i morti negli scontri tra diversi gruppi jihadisti nelle regioni siriane da cui le forze governative si sono ritirate.

SDA-ATS