Navigation

Siria: a luglio 3'600 vittime, 274 bambini

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 agosto 2012 - 08:03
(Keystone-ATS)

Il mese di luglio è stato il più sanguinario dall'inizio della rivolta con 3'643 morti, di cui 274 bambini. Lo stima l'Osservatorio nazionale per i diritti umani. Le persone torturate fino alle morte sono 81, mentre le donne uccise sono state 322. In media almeno 121 persone hanno perso la vita ogni giorno.

L'Osservatorio riferisce inoltre che sempre nel mese appena trascorso si sono verificati 14 massacri nei dintorni della capitale, con 620 vittime.

L'Osservatorio, che fornisce una lista dettagliata delle vittime con tanto di nomi, fotografie e luoghi dei massacri, aggiunge inoltre che ad Aleppo i morti sono stati 535, a Homs 471, a Idlib 468, a Daraa 362, a Deir ez Zor 357, a Hama 354 e infine a Damasco 351.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?