Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Si conclude oggi un altro capitolo delle deportazioni forzate di popolazioni civili (foto d'archivio)

KEYSTONE/EPA SANA/SANA HANDOUT

(sda-ats)

Si conclude oggi a Barze, alla periferia di Damasco, un altro capitolo delle deportazioni forzate di popolazioni civili e di miliziani di aree ribelli verso la regione di Idlib.

Idib si trova nel nord-ovest del paese, dove il governo siriano e i suoi alleati Russia e Iran stanno ammassando quel che rimane dei gruppi di insorti sempre più radicalizzati.

Secondo quanto riferisce l'agenzia Sana, con la quarta e ultima fase dell'"accordo per la riconciliazione" a Barze, "le istituzioni dello Stato torneranno" nel distretto, che si era ribellato al regime nel 2012 nel quadro della rivolta armata.

Dopo un assedio militare durato anni, migliaia tra civili e miliziani si sono arresi e sono ora trasferiti nel nord-ovest a bordo di pullman governativi come già successo a Homs e in altre aree ribelli tra cui Aleppo est lo scorso dicembre.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS